Su questo sito utilizziamo cookie tecnici e, previo tuo consenso, cookie di profilazione, nostri e di terze parti, per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o prestare il consenso solo ad alcuni utilizzi clicca su 'approfondisci'. Cliccando in un punto qualsiasi dello schermo, effettuando un’azione di scroll o chiudendo questo banner, invece, presti il consenso all’uso di tutti i cookie

Eureka! Funziona!

clicca sulle parole blu per vedere i contenuti

Titolo: Eureka! Funziona!

Anno Scolastico 2014-2015

Destinatari: classe IV scuola primaria Carpineti

Discipline coinvolte:

Tutte

Competenze chiave:

Contenuti e attività richiesti relativi alle competenze chiave:

 

Comunicazione nella madrelingua

 

Il diario: lettura di pagine di diari, manipolazione di testi, uso della punteggiatura e delle esclamazioni, compilazione del diario di bordo.

La pubblicità: strategie comunicative, mezzi di persuasione, registro enfatico ed emotivo, onomatopee. Parti invariabili del discorso: preposizioni, congiunzioni e avverbi.

Osservazione di manifesti pubblicitari, ruolo delle immagini nel linguaggio pubblicitario, ideazione e realizzazione della pubblicità del giocattolo costruito.

Lettera di invito al Presidente del Consiglio.

Comunicazione nelle lingue straniere

Pubblicità/spot: utilizzo di termini in lingua inglese o di onomatopee per la comunicazione pubblicitaria e/o per la denominazione del giocattolo stesso.

Competenza matematica e competenze di base in scienza e tecnologia;

Osservazione della realtà: comprensione del funzionamento delle cose a disposizione per la realizzazione del giocattolo.

La misura: le diverse misure, contestualizzazione delle diverse unità di misura in situazioni pratiche, misurazioni, confronti, proporzioni, operazioni.

Problem solving: struttura del testo, analisi, dati, domande implicite ed esplicite; formulazione di ipotesi, sperimentazione pratica e soluzione attraverso differenti strategie risolutive.

Magnetismo: sperimentazione degli effetti del magnetismo, osservazione di un campo magnetico, costruzione e utilizzo di una bussola, esperienze con magneti, interpretazione del comportamento della calamita, applicazione del magnetismo sul movimento dei corpi.

Competenza digitale

Ipertesto: produzione di una presentazione del lavoro svolto.

Imparare ad imparare

Documentazione: collegamenti tra informazioni reperite da testi, filmati, Internet con informazioni già possedute o con l’esperienza vissuta. Individuare semplici collegamenti tra informazioni appartenenti a campi diversi.

Approccio interdisciplinare: utilizzo delle conoscenze acquisite per eseguire calcoli finalizzati alla realizzazione del disegno tecnico, verbalizzazione dei vari passaggi.

Competenze sociali e civiche

Apprendimento cooperativo:  interagire tra i componenti del gruppo, assunzione reciproca di responsabilità, capacità di relazionarsi, autoconsapevolezza individuale, assunzione di ruoli, soluzione creativa di problemi, autovalutazione di gruppo.

Modalità corrette di relazione: rispetto dei

turni di intervento, partecipazione pertinente, ascolto degli interventi degli altri, accettazione di punti di vista diversi.

Esposizione pubblica del proprio lavoro: presentazione alla classe e ad una giuria.

Assuzione democratica di decisioni: Votazione del prototipo da inviare alla selezione provinciale.

Spirito di iniziativa e imprenditorialità

Inventiva: costruzione e creazione di un giocattolo in movimento utilizzando la fantasia e quindi innovando.

Sfida: mettersi in gioco nella concretizzazione di un’idea inedita; creatività.

Team working: utilizzo delle risorse di ciascuno e  del gruppo: il lavoro di ciascuno contribuisce al successo del lavoro del gruppo.

Consapevolezza ed espressione culturale.

 

Resilienza: il gruppo simisura con le novità e gli imprevisti.

Metodologia

Lezione frontale di input.

Manipolazione di materiali.

Apprendimento cooperativo.

Conversazioni e riflessioni.

Creazione materiale del giocattolo.

Risorse umane

Interne:   docenti della classe.

Esterne:  Federmeccanica / Unindustria Reggio Emilia - per la fornitura dei materiali.

Finalità generale dell’attività

  • Coltivare la naturale predisposizione dei bambini a capire il funzionamento delle cose che li circondano.
  • Coltivare il desiderio di costruire e creare, utilizzando la fantasia e quindi innovando, proprio dei bambini di questa fascia di età.
  • Investire in creatività.
  • Fornire un’opportunità di applicare le conoscenze acquisite a scuola e quindi di sviluppare le competenze.
  • Sperimentare un approccio interdisciplinare delle conoscenze acquisite: mentre si fanno i calcoli necessari per il disegno tecnico, si deve descrivere nel diario cosa si sta facendo.
  • Sviluppare competenze di team working, relazionali ed allo stesso tempo sviluppare il senso di responsabilità: il lavoro di ciascuno contribuisce al successo del lavoro del gruppo.
  • Fornire un’occasione in più alla scuola per praticare il cooperative learning in alternativa alla lezione frontale ed al trasferimento verbale delle conoscenze da docente a discente.
  • Fornire un’occasione ai bambini, che non faticano ad immaginarsi astronauti, esploratori, paleontologi, di sperimentare quanto possa essere divertente fare l’inventore o l’ingegnere, senza distinzione di genere.

 

Attività interdisciplinari e Attività delle singole discipline

 

Lettura dell'insegnante;

ascolto della storia: “Le buone idee producono buone cose”;

formazione dei gruppi;

assegnazione ad ogni componente del gruppo di un ruolo specifico ( disegnatore tecnico, estensore del diario di bordo, costruttore, disegnatore artistico e pubblicitario);

cooperative learning;

conversazioni e riflessioni dei gruppi;

verbalizzazione scritta del lavoro svolto (diario di bordo );

presentazione del lavoro prodotto alla classe; 

riflessione del gruppo su come esporre in modo creativo le conoscenze acquisite ai compagni della classe (pubbblicità);

raccolta delle idee e scelta della modalità migliore per presentare il giocattolo realizzato a Reggio.

PRODOTTI FINALI

IPERTESTO

RELAZIONI SCRITTE: DIARIO

VISITA a Reggio  per partecipazione alla premiazione provinciale.

IMMAGINI FOTOGRAFICHE

VERIFICHE

Osservazioni sistematiche

Relazione scritta (DIARIO)

Attività grafiche (PUBBLICITA' DEL PRODOTTO REALIZZATO)

Tempi di esecuzione

Gli ultimi due lunedì di gennaio, tutti i lunedì di febbraio e marzo  dalle 11.30 alle 13.00 e dalle 14.00 alle 15.00.

Dalla seconda metà di febbraio il giovedì dalle  9.30 alle 11.30.

Eventuali considerazioni finali sull’efficacia dell’attività

Riteniamo che, in questo progetto, i bambini siano particolarmente motivati e spinti all’apprendimento dalla stessa esperienza dell’invenzione che si fa strumento per imparare competenze non solo cognitive ma anche relazionali.

Gli alunni operano, infatti, nell’ambito di uno spazio reale, su un compito autentico, in cui mettere alla prova la loro creatività e capacità di innovazione.

Essi traggono ispirazione, per l’invenzione e la preparazione del giocattolo, dalla loro vita quotidiana, attivando capacità di osservazione e analisi del funzionamento degli oggetti che li circondano. Progettano, testano i materiali e collaborano nell’ambito del gruppo raggiungendo i necessari compromessi, al fine di creare la loro opera.

Tutto il processo di invenzione è efficace quando il gruppo progetta e crea in autonomia.

Gli insegnanti hanno supportato il lavoro della classe assicurandosi che strumenti adeguati fossero a disposizione; il ruolo dell’insegnante è stato quello di incoraggiare i bambini e di rassicurarli sulla bontà della loro idea progettuale. Un supporto allo sviluppo del progetto è stato dato dai docenti ponendo domande che facilitassero l’individuazione di possibili idee e soluzioni da parte degli stessi alunni.

Crediamo che questa sia un’esperienza ideale sia per i bambini che per le bambine, utile a sostenere l’apprendimento e l’insegnamento in un contesto in cui esperimento, immaginazione, emozioni, autostima, conoscenze e abilità hanno tutte la medesima importanza e assicurano la gioia nell’imparare.

Informazioni aggiuntive